L’Assicurazione Auto con Scatola Nera è sempre più diffusa ed è uno dei mezzi migliori per prevenire le frodi e quindi evitare l’aumento delle tariffe

Che cos’è la scatola nera?

Se l’avete sentita solo a proposito degli aerei e delle navi… sappiate che esiste anche per le auto. Sono infatti sono sempre più numerose e compagnie assicurative che offrono ai clienti un’assicurazione auto che include l’installazione della scatola nera. Si tratta di un dispositivo elettronico mobile dotato di rilevatore GPS, che registra una grande quantità di dati riguardanti la condotta e lo stile di guida dell’assicurato, inclusi i sinistri.

Come funziona?

La scatola nera funziona grazie a un localizzatore GPS che è collegato a una centrale remota grazie ad una scheda telefonica. Quest’ultima registra la posizione e la velocità del veicolo. Una volta installato, questo dispositivo satellitare esegue una comparazione tra i parametri dell’autoveicolo e registra dati come velocità, l’accelerazione e marce inserite. La scatola nera è estremamente utile in caso di sinistro: dall’analisi dei dati raccolti e trasmessi alla compagnia assicuratrice, si può risalire alle cause dell’incidente e stabilirne la dinamica esatta. La scatola nera infatti è in grado di misurare in G (accelerazione gravitazionale) la forza dell’impatto di un veicolo a seguito di un sinistro.

Ma non finisce qui: la scatola nera è utile anche in caso di furto, perché può aiutare il ritrovamento dell’auto. Grazie al canale dei satelliti artificiali, la localizzazione avviene in tempo reale e costituisce quindi uno strumento in più la polizia e per l’automobilista vittima del furto.

Un alleato contro le frodi

La scatola nera è un prezioso alleato contro le frodi ed ecco perché le compagnie spingono i clienti a stipulare un’assicurazione auto che preveda l’installazione del dispositivo. Negli ultimi anni sono diventare sempre più numerose le frodi che hanno colpito il settore delle RC auto. Grazie alla scatola nera è più facile identificare le dinamiche dei sinistri e quindi prevenire le truffe e l’aumento delle tariffe delle polizze assicurative.

Infatti, la capacità della scatola nera di registrare i dati inerenti le decelerazioni e le frenate, (trasmessi successivamente al centro informativo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) torna utile a supporto delle indagini in caso di furto o sinistro, qualora non si sia riusciti a giungere a una conclusione certa e non contraddittoria. 

Vantaggi di un’assicurazione auto con la scatola nera

Per tutti i motivi appena considerati, è sempre più diffusa l’assicurazione auto che include la scatola nera. Inoltre l’assicurazione copre i costi del montaggio del dispositivo (circa centocinquanta euro).

Un altro motivo che può spingere un automobilista a scegliere l’assicurazione auto con la scatola nera è quello di poter dimostrare di avere uno stile di guida sicuro e responsabile, ottenendo così una riduzione sulla tariffa della polizza assicurativa. Insomma, i guidatori virtuosi sono premiati, mentre i truffatori devono aspettarsi tempi di magra.

Una scatola nera non può di per sé proteggere da qualsiasi furto: un ladro esperto infatti può “hackerare” il rilevatore satellitare incorporato. Tuttavia, di certo costituisce un ottimo deterrente per i malintenzionati. Un aspetto che forse risulta sgradito per molti automobilisti è quello della riduzione della privacy: chi acconsente all’installazione del dispositivo accetta anche di essere monitorato, ma a fronte del risparmio (se riconosciuto come automobilista virtuoso), si può decidere che ne vale la pena.

Post a Comment

Nuova Vecchia