GRAN TURISMO SPORT – RECENSIONE
[mashshare]

Sono passati poco più di 20 anni dall’uscita di Gran Turismo per PlayStation 1 che sconvolse, nel vero e proprio senso della parola, il mondo dei videogiochi automobilistici e il modo di concepirli.

Fu un vero e proprio spartiacque tra ciò che era stato e ciò che sarebbe stato dopo il suo avvento. 20 anni fa, prima dell’arrivo di Gran Turismo, il mondo dei videogiochi automobilistici, infatti, era diviso nettamente in due parti: da una parte quelli che preferivano una modalità di guida simulativa e dall’altra, quelli che seguivano una modalità arcade.

Dopo la sua uscita, Gran Turismo è stato nominato modello ufficiale da seguire e tutti si sono ispirati ad esso, al suo modello di guida arcade, e alla sua vasta gamma di automobili da personalizzare. Da allora si sono susseguiti una serie di giochi, alcuni molto validi, altri un po’ meno e per questo già dimenticati.

Ora resta da capire come verrà accolto nuovamente il Gran Turismo, se da re oppure no, visto che esce esclusivamente per PlayStation 4 ma con un ritardo di ben 4 anni.

Da un punto di vista legato esclusivamente alla grafica non si può non ammettere che il nuovo gioco ha certamente fatto dei passi in avanti, soprattutto grazie al supporto a PlayStation VR, ad alcuni miglioramenti su PlayStation Pro e all’HDR.

Tuttavia balza subito agli occhi una cura quasi maniacale dei dettagli riguardanti le autovetture, a cui si contrappone la totale mancanza di attenzione all’ambiante circostante, spesso superficiale e semplicemente abbozzato, e agli agenti atmosferici come la pioggia, la neve o il vento. Del tutto assente invece l’alternanza giorno/notte.

Davanti a noi una serie di missioni di breve durata (questo ricorda molto la modalità “patenti” presente nelle edizioni precedenti) e sfide di velocità e guida da superare. Nella modalità principale invece siamo chiamati ad affrontare delle gare utilizzando automobili modificabili solo in minima parte.

La rigidità e la severità, infatti, sono le chiavi di lettura di questo tipo di gare dove le regole che vigono sono severe e intransigenti e dove al giocatore viene lasciato un misero spazio alla sua creatività e voglia di personificare la propria auto.

Il modello di guida proposto, poi, risulta essere il prodotto della fusione perfetta tra la modalità di guida arcade e quella della simulazione.

In poche parole ciò che ne deriva è una modalità di guida verosimile che prende le dovute distanze dalla realtà.

Se da un lato questo può lasciare un po’ di amaro in bocca in coloro che volevano avere la sensazione realistica di dominare i circuiti e le automobili come un vero e proprio campione, dall’altro lato però questa verosimiglianza consente anche ai meno esperti di approcciarsi a questo tipo di gioco.

Insomma, a voler tirare un po’ le somme, dovremmo dire che se da un lato il Gran Turismo per PlayStation 4 è riuscita a far proprie tutte le nuove tecniche, aggiornando cosi i suoi parametri un po’ datati, e anche vero che tante sono anche i difetti e le mancanze.

Data l’immagine e l’importanza concentrata nel suo nome GT non può tolleranze simili mancanze, ma deve aspirare sempre al meglio.

Rincuorano a tal proposito le parole di Kazunori Yamauchi, direttore di Pholiphony, che lasciano presagire nuovi contenuti e nuovi aggiornamenti da allegare alla versione da poco uscita.

Si parla infatti di un aumento sia delle autovetture messe a disposizione del giocatore sia dei circuiti da percorrere. Per il momento si contano quasi 200 auto e 20 circuiti, ma il numero dovrebbe incrementarsi di un bel po’.

Inoltre si parla anche di un possibile inserimento dell’amatissima classe giapponese Super GT.

Quello che sorprende è la voglia e il desiderio di migliorarsi sempre, di non dare nulla per scontato e di non sentirsi mai arrivati nonostante i successi del passato e i riconoscimenti ottenuti. Una gran bella prova.

E una gran bella dimostrazione di carattere che certamente non passerà inosservata. Per il momento tutti noi rimaniamo in attesa di nuovi sviluppi e nuove sorprese, nella speranza che Gran Turismo per PlayStation 4 riesca a colmare alcune lacune e raggiungere cosi la perfezione.

[amazon_link asins=’B01BVEEJG4,B01IR0CSZE’ template=’ProductCarousel’ store=’geek4you-21′ marketplace=’IT’ link_id=’00f598c8-b69f-11e7-bcf8-773096fb5511′]