Italiani, popolo di gamer:  8 italiani su 10 utilizzano i videogiochi

La passione per il gaming travolge tutte le generazioni, uomini e donne di tutte le età, dai più giovani, appena maggiorenni, agli over 50, superando così l’idea stereotipata del tipico gamer identificato nella figura di un adolescente timido e solitario e un po’ “geek”. 
A rivelarlo è una ricerca di Multiplayer.it, il primo web magazine italiano dedicato interamente al mondo dei videogiochi e dell’intrattenimento digitale, realizzata da Euromedia Research*, con lo scopo di analizzare l’evoluzione dei videogamer negli ultimi 20 anni.

“Quest’anno Multiplayer.it ha compiuto vent’anni di attività sul Web; vent’anni di carriera per raccontare e trasmettere la passione per i videogiochi degli italiani”, racconta Andrea Pucci, CEO e fondatore di Netaddiction, l’editore proprietario di Multiplayer.it, partito da una passione per arrivare ad una azienda con più di 60 collaboratori, due sedi e 10 milioni di Euro di fatturato

“Scattare un’istantanea per capire a chi parliamo oggi attraverso questo sondaggio, ci è sembrato il modo migliore per concludere 1 anno molto speciale per noi”. 

I risultati della ricerca mostrano che 8 italiani su 10 confermano di aver utilizzato i videogiochi almeno una volta negli ultimi sei mesi (81,4%), su diverse piattaforme (console, smartphone, tablet e pc). Inoltre, la ricerca sfata il luogo comune che vede il gaming essere una prerogativa prevalentemente maschile: il 75,1% delle donne intervistate si dichiara giocatrice assidua (il 41,8% si dedica ai videogame 2/3 volte alla settimana e quasi 1 donna su 3 gioca tutti i giorni).

Quali sono quindi i diversi profili di gamer e quali sono le loro caratteristiche principali?

I “videogamer appassionati”

Sono “videogamer appassionati” coloro che giocano almeno due o tre volte alla settimana se non addirittura tutti i giorni. Una distinzione netta tra i due generi si nota relativamente alle piattaforme utilizzate: il 46,2% delle donne preferisce lo smartphone mentre 1 uomo su 3 è affezionato alla console fissa (PS4, Nintendo Wii, Xbox, etc.). Una polarizzazione simile si rileva anche tra le varie fasce d’età: lo smartphone è molto popolare tra gli over 40mentre il 36,5% dei giovani tra i 18 e i 24  anni conferma la preferenza per la console.

Si gioca da soli: la modalità di gioco preferita è infatti la single player (70,1%), che non prevede la possibilità di giocare con più persone né con lo stesso dispositivo né attraverso una connessione Internet.

Indagando gli aspetti più emozionali, per oltre la metà dei giocatori più assidui (53,9%) il tempo dedicato ai videogame è vissuto come un momento di relax e di stacco dalla vita quotidiana ed è fonte di un senso di tranquillità.

Dato particolarmente interessante si riscontra nella risposta data dal 54,2% degli intervistati nella fascia di età più giovane (dai 18 ai 24 anni) per i quali i videogame non provocano nessun effetto sull’umore, né in positivo né in negativo.

I “videogamer occasionali”

In Italia, solo il 13,9% degli intervistati si definisce un giocatore ‘occasionale’, ovvero colui che ha provato i videogame almeno una volta nella vita, ma non negli ultimi 6 mesi. Fanno parte di questo gruppo di intervistati gli “ex player” che da oltre 24 mesi non dedicano più tempo ai videogame (63,1%). La causa di questa interruzione è dovuta principalmente alla mancanza di tempo (44,1%, la percentuale si alza di molto se si considera solo la fascia dei gamer più giovani che la attestano come motivo principale nel 90% dei casi). Con l’aumentare dell’età gli intervistati motivano la loro scelta di non giocare più per l’assenza di divertimento (52,7% nella fascia 40-49 anni e 43,7% nella fascia d’età compresa tra i 50 e i 55 anni): un cambiamento di abitudini o una maniera diversa di rapportarsi con lo svago possono aver contribuito all’allontanamento di questi intervistati dai videogiochi.

A cosa preferivano giocare i “videogamer occasionali”? La risposta varia molto a seconda del genere e dell’età: gli uomini preferivano di gran lunga i videogame a tema sportivo (lo dichiara il 53,8% degli intervistati), il calcio in primis; una percentuale che raggiunge il 90% tra coloro che hanno dai 18 ai 24 anni.

Coloro che oggi hanno invece tra i 40 e i 55 anni sono stati dei grandi giocatori di solitario, il gioco più amato anche dalle donne, con una percentuale che raggiunge il 55,6% delle intervistate.

I “mai videogiocatori”

Non stupisce che si tratti di una categoria rappresentata solo dal 4,2% del totale degli intervistati. L’avversione completa al mondo dei videogame viene motivata in maniera diversa dalle donne (non piacciono al 44,4% delle intervistate) e dagli uomini (il 45,4% di loro li considera una perdita di tempo).

Come si informano i videogamer e cosa è cambiato

Gli aspetti che hanno segnato maggiormente l’evoluzione del mondo dei videogiochi in questi anni sono principalmente legati alla tecnologia: una grafica sempre più d’effetto (28,4%), la possibilità di giocare online (18,4%) con connessioni onnipresenti sui vari dispositivi e la varietà di piattaforme (15,5%) sono state le risposte più ricorrenti degli intervistati.

La principale fonte di informazione risulta essere ancora il proprio network di amici e familiari (18,3%) con i quali scambiarsi suggerimenti e news. In controtendenza i più giovani che per la maggior parte si informano attraverso i social network (34,4%) e i siti specializzati (16,7%) a tema videoludico. 

A confermarlo sono i dati di Multiplayer.it, sito online parte del network di Netaddiction, che si inserisce nell’elenco dei siti online più consultati dalla community dei gamer, riconosciuto come una delle principali fonti di informazione sul mondo dei videogame, come confermato anche dalla ricerca di Euromedia Research: il sito risulta il più visitato dai videogamer appassionati (18,7%), specialmente nella fascia 18-24 anni (34,4%).

Con i suoi 3 milioni e 500 mila utenti unici mensili e le oltre 14.200.000 pagine viste al mese ha raggiunto ilsecondo posto nel ranking italiano di SimilarWeb, per la categoria dei siti di videogaming, tra colossi mondiali come Twitch e Tik Tok. Uno dei punti di forza del sito sono le recensioni, il contenuto più apprezzato dagli intervistati (26,2%) e quello che genera più interazioni all’interno della community dei gamer, con un numero medio di commenti compreso tra 500 e 800 per singolo contenuto.

Raggiungere questi numeri è stato possibile anche grazie ai canali social (YouTube, Facebook, Instagram, etc.).
In particolare il canale di Multiplayer.it su Twitch è fra i più attivi e di maggior successo in Italia, grazie alla collaborazione di diversi Twitcher e alla redazione che ha saputo integrarsi bene con il nuovo modo di comunicare della piattaforma, attraverso dirette re-streaming di contenuti Gameplay LIVE  con protagonisti i videogiochi più attuali ed interessanti.